Devitalizzare un dente in sicurezza

Devitalizzare un dente, cosa significa:

La devitalizzazione o cura canalare / trattamento endodontico, consiste nel rimuovere la polpa dentale malata, andando a sostituirla con sigillanti adeguati e riparando così denti gravemente compromessi da carie o traumi gravi che hanno danneggiato la polpa. In questo modo si eviterà l’estrazione con un trattamento praticamente indolore se si interviene con tempi e modalità corretti.

Devitalizzare un dente in sicurezza è fondamentale.

La devitalizzazione è un trattamento frequente che però deve essere eseguito con le giuste precauzioni e competenze. Fondamentali igiene e sicurezza del paziente, che deve sempre essere protetto dalla DIGA DI GOMMA. La diga è un piccolo strumento in lattice che fissato nella zona di lavoro, protegge il paziente dall’ingoiare eventuali frammenti di dentina, scorie, piccoli strumenti.

La priorità dello studio riguardo ogni aspetto dei lavori, va verso la massima efficienza del trattamento insieme alla totale sicurezza per il paziente. 

Perché siamo estremamente tranquilli riguardo l’uso dei disinfettanti in endodonzia?

Nel nostro studio da anni utilizziamo un sistema di irrigazione e disinfezione del sistema canalare che, unito all’uso della diga di gomma, ci permette di ottenere una perfetta detersione all’interno del dente con un conseguente sigillo adeguato.


Gli irriganti rimangono localizzati solo all’interno del dente dove devono svolgere la loro funzione e non ci sono rischi né che irritino i tessuti di supporto del dente né che vengano ingeriti accidentalmente.

In questo modo il materiale che dovrà riempire gli spazi puliti che si sono creati verrà inserito in un ambiente ottimale e si raggiungerà l’obiettivo di una otturazione tridimensionale del sistema canalare.

A cura del Dott. Luca Parini, Odontoiatri Associati – Specialista in Endodonzia 

devitalizzare un dente

devitalizzare un dente

 

Pubblicato in Blog, Consigli Taggato con: , , , ,
One comment on “Devitalizzare un dente in sicurezza
  1. Enrico ha detto:

    Salve,

    complimenti per l’articolo. Da oggi vi seguirò certamente.

    Grazie