Il turismo dentale: in viaggio alla ricerca del dentista economico

Non posso spendere soldi per il dentista!

In questi anni assistiamo sempre di più ai viaggi di pazienti verso l’estero – soprattutto verso l’est europa, alla ricerca di prestazioni odontoiatriche economiche.

Si dice che il dentista italiano è troppo caro e non c’è quindi niente di male a rivolgersi a questi paesi che promettono cure veloci, a prezzi stracciati e con vacanza inclusa.

Sicuramente uno dei motivi dei costi inferiori è legato al fatto che il costo delle prestazioni e dei dipendenti dei paesi come l’Ungheria o la Romania è nullo se paragonato ai nostri standard, ovviamente questo si riflette sul prezzo finale del lavoro. Pensate che un’assistente in alcuni paesi prende circa 250€ al mese.

Attenzione questo articolo non è una critica ai tanti validi colleghi stranieri, quanto una risposta a chi sostiene che i costi del dentista siano troppo elevati e che non ci siano svantaggi, ma solo vantaggi, nel turismo odontoiatrico.

6 motivi per cui dovresti pensarci bene prima di praticare il turismo dentale

1. Igiene e sicurezza prima di tutto

Nei paesi dell’est la burocrazia non infierisce attraverso infinite regole da rispettare, con oneri gravosi e controsensi, questo può costare caro al paziente degli studi stranieri in termini di affidabilità dello studio.

Chiedeteci quanti controlli, quanti obblighi dobbiamo rispettare per poter lavorare, quanti investimenti per garantire le norme igieniche richieste, quanto dobbiamo spendere per costruire una struttura che sia a norma e possa seguire con attenzione la sicurezza del paziente.

Chiedetecelo e saremo felici di fornirvi tutte le risposte!

Impianti e materiale certificato da rigide norme italiane, dighe di protezione, strumenti sterilizzati e imbustati, sono solo alcuni dei nostri protocolli di cui non potete avere nessuna garanzia all’estero proprio perchè le regole sono differenti e meno rigide.

2. La legge non è la stessa

In caso di problemi la nostra legge non può fare nulla…ricordate? Il vostro dentista non è italiano. Di conseguenza nel caso in cui doveste avere grossi problemi dopo la cura che cosa succede?

3. I problemi dopo la cura

I danni possono essere anche molto gravi e in alcuni casi irreversibili. Certamente non si può ritornare alla clinica estera per risolverli, quindi che si fa? Si torna dal dentista italiano, finendo per spendere più soldi e sopportando sicuramente più dolori che quelli di un’operazione ben riuscita.

4. Velocità e qualità difficilmente vanno d’accordo

Attraverso un’ottima organizzazione, si fa credere che in pochissimi giorni verranno risolti problemi che in Italia richiederebbero mesi e soprattutto ad un costo decisamente inferiore, ma per ottenere un guadagno significativo le cure vanno eseguite nella metà del tempo.

Purtroppo alla biologia non si comanda e i tempi di guarigione non possono sottostare a nessuna volontà commerciale. Il rischio è quello di eseguire cure importanti (impianti, protesi etc…) senza la necessaria attenzione alla salute orale e generale del paziente. Nel breve periodo sicuramente il successo è assicurato ed anche il costo, ma quanto potrà accadere nel lungo periodo non viene preso in considerazione.

5. Le incomprensioni linguistiche e la fiducia

Il paziente dovrebbe sapere che una riabilitazione per quanto ben eseguita, necessita di continui controlli, di mantenimento igienico e di assistenza. Al contrario spesso i pazienti si debbono rapportare con medici che non parlano la lingua e necessitano del traduttore, lavorano in fretta senza tanti preamboli, assolutamente consapevoli di dover fare in fretta perché altri attendono. Quanti accetterebbero questo trattamento presso uno studio odontoiatrico italiano? Nessuno.

Il rapporto medico paziente è da sempre basato sulla fiducia, quando non ci sentiamo considerati dal nostro medico ci sentiamo ingannati e trascurati. Come possiamo sentirci al sicuro e stimare un medico che abbiamo conosciuto solo attraverso l’opera di un mediatore che ha organizzato il viaggio ed il soggiorno certamente in maniera interessata?

6. Rivolgersi a un vero odontoiatra

odontoiatri associatiIn Italia potete controllare se il vostro dentista è un vero dentista. Come? semplicemente digitando il suo nome nell’area ricerca anagrafica su http://www.fnomceo.it/ – in questo modo saprete subito se è iscritto all’albo dei medici chirurghi e degli odontoiatri.

E all’estero? bè non potete, dovrete fidarvi sulla parola.

Non tutti lo sanno, ma anche l’Italia è meta del turismo odontoiatrico…non solo perchè le nostre tariffe sono più basse rispetto a quelle di paesi come l’Inghilterra, ma perchè la nostra qualità è indiscutibile e invidiata in tutto il mondo.

Il problema resta: non ho soldi da spendere per il dentista

Se non potete permettervi soluzioni costose, chiedeteci se esistono piani di pagamento o soluzioni temporanee più economiche in attesa di poter risolvere il problema definitivamente. Non accontentatevi, la salute non vale un viaggio all’estero, anche se l’hotel è incluso.

 

Pubblicato in Blog